0

Un nuovo trattamento per il cancro avanzato alla prostata

Il cancro della prostata che è resistente alla terapia ormonale e che non risponde alle radiazioni o alla chemioterapia richiede nuovi metodi di trattamento. Attaccando le cellule simili alle staminali  nel cancro della prostata, i ricercatori della Lund University stanno lavorando ad un progetto per sviluppare una nuova opzione di trattamento. È in corso  un progetto interdisciplinare  tra  due gruppi di ricerca, tra cui la ricercatrice senior Rebecka Hellsten e il Professore Anders Bjartell presso la Facoltà  di Medicina per la Ricerca sul cancro urologico, l’ospedale universitario di Skåne  di Malmö, e il professor Olov Sterner e il Professore assistente Martin Johansson presso l’Università di Lund divisione di Chimica Organica, i quali  hanno recentemente pubblicato i loro risultati delle più recenti ricerche in campo scientifico sulla rivista online PLoS ONE.

“Si ritiene che i tumori alla prostata sono probabilmente composti solo dallo 0,1 per cento circa da cellule staminali tumorali, ma se non si è riusciti a sradicare quella popolazione di cellule tumorali, c’è il rischio di successive crescite incontrollate del tumore. Le cellule staminali del cancro  spesso non rispondono né  al trattamento ormonale né alla chemioterapia, quindi è essenziale sviluppare un trattamento diretto verso tutti i tipi di cellule tumorali “, afferma Anders Bjartell.

Esplorando la biologia dei tumori del cancro alla prostata, il gruppo di ricerca ha osservato che la proteina STAT3 è attiva nel cellule simili alle staminali. Nei loro precedenti studi, il gruppo ha dimostrato che il composto naturale galiellalactone colpisce STAT3 ed ha effetti inibitori sulla crescita del tumore della prostata. Attraverso lo sviluppo di nuove specifiche STAT3-inibitori con galiellalactone come modello, i ricercatori sperano di sviluppare terapie mirate che attaccano  le cellule tumorali simili alle staminali  nel cancro alla prostata e impediscono la crescita del tumore e la diffusione.


Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Live
  • Google Buzz
Aggiunto in: Ricerca & Scienza

Articoli recenti

Bookmark and Promote!

Commenta

Puoi commentare più in fretta utilizzando gli account dei social network più famosi!

Facebook
Google
Twitter

Invia commento

© 2011 Scienze Naturali. Tutti i diritti riservati.
Tema a cura di Scienze Naturali.