2

Un nuovo metodo potrebbe aiutare a prevenire l’artrosi

Un nuovo metodo potrebbe aiutare i medici a diagnosticare l‘artrosi in una fase iniziale, il che renderà possibile ritardare la progressione della malattia artrosiper molti anni, o forse addirittura la potrebbe fermare del tutto. L’osteoartrite è una delle malattie più comuni fra le malattie croniche e una delle principali cause di disabilità per le persone in tutto il mondo.

“L’artrosi attacca spesso le articolazioni del ginocchio e dell’anca e intacca la cartilagine di assorbimento che si trova  lì. Per coloro che ne sono colpiti, la progressione della malattia avviene di solito in molti anni, con dolore via via crescente che porta spesso alla disabilità”, dice Carl Siversson, che ha solo  difeso la sua tesi di laurea in Fisica della radiologia all’Università di Lund in Svezia. Uno dei problemi con l’osteoartrosi è  la diagnosi e il monitoraggio della malattia prima che i sintomi diventino evidenti.

È  quindi difficile  cambiare o ritardare il decorso della malattia. Qualche anno fa, i ricercatori della Lund University e della Harvard Medical School hanno sviluppato un metodo per misurare il grado di artrosi utilizzando uno scanner MRI, anche in una fase molto precoce. Il metodo viene chiamato dGEMRIC. “Questo è stato un progresso importante, ma il problema è stato che le misurazioni possono essere eseguite solo in una parte limitata della cartilagine. Abbiamo migliorato il metodo in modo da poter studiare tutta la cartilagine nel giunto in una sola volta.

Abbiamo ottenuto questo risultato per risolvere il problema di come correggere tutte le irregolarità nelle immagini MRI “, dice Carl Siversson. Il metodo migliore è stato testato sia su soggetti sani che su soggetti con artrosi, e i risultati mostrano che la malattia può ora essere monitorata come prima non era possibile, secondo Carl Siversson. “Ora stiamo continuando il nostro lavoro per rendere il metodo facile per i medici da utilizzare nella loro pratica. La nostra speranza è che il metodo sarà anche importante per lo sviluppo di farmaci in futuro”, dice Carl Siversson, che dopo aver completato il dottorato di ricerca continuerà la sua ricerca alla Harvard Medical School di Boston, USA.


Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Live
  • Google Buzz
Aggiunto in: Ricerca & Scienza

Articoli recenti

Bookmark and Promote!

2 commenti a "Un nuovo metodo potrebbe aiutare a prevenire l’artrosi"

  1. Enzo ha detto:

    Grazie della comunicazione. Si potrebbe avere piu’ indicazioni sono interessato per una doppia gonadoartrosi alle ginocchia che da dei dolori sempre piu’ difficile da sopportare.
    Vi sarei molto grato
    Grancio Enzo

    • Alexander Travisi ha detto:

      Ciao Enzo,
      l’avvento porta, almeno per ora, la sola possibilità di visualizzare con più precisione le zone interessate attraverso uno scanner di ultima generazione.
      In genere questo può portare a nuovi risvolti, per ora credo che bisogni soltanto attendere questi risvolti per nuove e possibili cure, ma sopratutto sperare nella ricerca.

      A presto!

Commenta

Puoi commentare più in fretta utilizzando gli account dei social network più famosi!

Facebook
Google
Twitter

Invia commento

© 2011 Scienze Naturali. Tutti i diritti riservati.
Tema a cura di Scienze Naturali.