0

Studi condotti sui cani possono servire a curare malattie umane

La fondazione Westie of America (WFA) ha annunciato le conclusioni preliminari di due studi rilevanti connessi alla salute dei West Highland White Terriers conosciuti anche come Westies. I risultati di questi e altri studi sui Westies e sui cani in generale possono fornire risposte per patologie umane simili come le malattie infiammatorie intestinali.

In uno studio i ricercatori stanno analizzando il ruolo di un gene della mucosa che causa una malattia infiammatoria, la IBD canina, un disturbo intestinale cronico che crea un’infiammazione batterica negli intestini. Nel secondo gli scienziati stanno studiando la Legg-Calve Perthes Disease (LCPD), una malattia debilitante che provoca dolore, zoppia e atrofia muscolare dell’anca dei cani. Entrambi stanno prendendo in considerazione le implicazioni per l’uomo dal momento che le malattie condividono dei sintomi e delle patologie comuni.

Nella IBD, si pensa che i fattori genetici contribuiscano alla malattia sia nei cani che negli uomini e i ricercatori stanno utilizzando strumenti di biologia molecolare per identificare i geni chiave che regolano l’infiammazione intestinale, simile alla IBD umana.

“La nostra aspettativa è quella di identificare i geni specifici che servono come biomarker per la diagnosi della IBD canina e per monitorare gli effetti della terapia. Ora abbiamo individuato un gruppo di 17 ‘marker’, geni che potrebbero essere valutati in studi futuri”, ha detto Albert E. Jergens, DVM, PhD della Iowa State University, sperimentatore principale dello studio. “Abbiamo le prove preliminari che i cambiamenti nella composizione della flora batterica intestinale accompagnano gli schemi dei geni anomali… questa situazione è molto simile alle associazioni tra le persone e le loro popolazioni intestinali che causano le IBD umane (cioè la malattia di Crohn e la colite ulcerosa).

La LCPD è una malattia ortopedica che può richiedere un intervento chirurgico. I ricercatori stanno usando una nuova tecnologia per valutare quasi 127.000 punti nel genoma del cane. L’obiettivo di questo progetto è quello di identificare i geni che contribuiscono allo sviluppo della LCPD.
I risultati degli studi preliminari mostrano che la  LCPD può essere ereditata contrariamente  a quello che avevano dimostrato gli studi precedenti. Le ricerche suggeriscono che la  LCPD è trasmessa come carattere autosomico recessivo. “I nostri dati attuali suggeriscono che la LCPD viene ereditata sia in un modo dominante o complesso,” ha dichiarato Keith E. Murphy, PhD della Clemson University. “Solo con più campioni potremo cominciare a capire la genetica che controlla la  LCPD”. Gli investigatori hanno attualmente i campioni di 58 Westies, 23 dei quali hanno la  LCPD. Un gene candidato individuato nell’uomo è stato studiato nella  LCPD canina, ma non era associato con la LCPD nei Westies. I risultati delle analisi del gene candidato saranno pubblicati entro la fine dell’anno.


Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Live
  • Google Buzz
Aggiunto in: Ricerca & Scienza

Articoli recenti

Bookmark and Promote!

Commenta

Puoi commentare più in fretta utilizzando gli account dei social network più famosi!

Facebook
Google
Twitter

Invia commento

© 2011 Scienze Naturali. Tutti i diritti riservati.
Tema a cura di Scienze Naturali.