0

Nuovi studi genetici indicano un melting pot europeo

Alle popolazioni locali si unirono gruppi mediorentali e un antico popolo settentrionale euroasiatico.

L'Europa era abitata e popolata da gruppi di cacciatori-raccoglitori prima ancora che  le migrazioni provenienti dal Medio Oriente portassero l'agricoltura nel continente.

L’Europa era abitata e popolata da gruppi di cacciatori-raccoglitori prima ancora che le migrazioni provenienti dal Medio Oriente portassero l’agricoltura nel continente.

Grande passo avanti nello studio delle popolazioni europee. Alcune nuove sequenze di DNA estratte da una dozzina di antichi abitanti del nostro continente mostrano uno scenario interessante: L’Europa era un miscuglio di popolazioni, dove agricoltori dagli occhi bruni incontrarono cacciatori-raccoglitori dagli occhi azzurri già presenti precedentemente sul territorio. E’ stata individuata anche una terza e misteriosa popolazione il cui areale si trovava presumibilmente nel territorio artico euroasiatico fino alla Siberia.

I genomi sono stati estratti da cacciatori-raccoglitori vissuti 8,000 anni fa in Lussemburgo, in Svezia e 7,500 anni fa in Germania, e sono stati messi a confronto con 2,196 campioni presi da 185 diverse popolazioni odierne. Le analisi, con a capo Johannes Krause dell’University of Tübingen, in Germania, e David Reich della Harvard Medical School a Boston, in Massachusetts, sono state postate sul sito bioRxiv.org il 23 dicembre del 2013 [1]. I risultati non sono ancora stati pubblicati su una rivista peer-reviewed.

Un secondo team, capeggiato da Carles Lalueza-Fox dell’Univeristà di Pompea Fabra a Barcelona, rilasciò nel 2012 alcuni dati genomici preliminari ottenuti dal materiale genetico di un cacciatore-raccoglitore vecchio di 7,000 anni, proveniente dalla Spagna nord occidentale, ma con un basso grado di parentela con i moderni spagnoli [2]. “A breve verrà pubblicato l’intero genoma” , ha dichiarato la ricercatrice in un recente talk, di quello che si pensa sia uno dei più antichi abitanti d’Europa.

Latte o grano.
I nuovi studi hanno permesso ai ricercatori di disegnare un ritratto dei primi europei basandosi su alcune mutazioni del DNA note per essere collegate con alcune caratteristiche negli esseri umani moderni.

Il genoma sequenziato dagli individui del Lussemburgo e della Spagna indica che questi avevano la pelle scura, probabilmente gli occhi azzurri, e appartenevano a gruppi noti per essere cacciatori-raccoglitori. La donna tedesca, al contrario, aveva la pelle più chiara e gli occhi bruni, ed era imparentata con alcuni gruppi mediorentali conosciuti per aver sviluppato l’agricoltura. Entrambi i gruppi sequenziati tuttavia avevano coppie multiple di un gene che permette alla saliva di produrre amilasi, un enzima che scinde gli amidi, caratteristica che deriva probabilmente dall’adattamento a una dieta ricca di grano, tipica di una vita agricola. Dall’altro canto però nessuno era in grado di digerire il lattosio, un tratto emerso nel Medio Oriente dopo la domesticazione dei bovini e che si è successivamente diffuso anche in Europa.

Lo studio aggiunge anche qualche colpo di scena alla preistoria europea.

Studi genetici e archeologici precedenti a questo indicavano che la maggior parte degli odierni europei discende da agricoltori mediorientali che si sono mischiati in alcune zone, e rimpiazzati in altre, ai cacciatori-raccoglitori che già erano presenti. Il team di Krause ha concluso che ci fu anche una terza popolazione che diede il proprio contributo genetico ai moderni europei.

Questo gruppo, che gli autori chiamano “Antichi Euroasiatici del Nord”, è probabilmente vissuto ad alte latitudini tra l’Europa e la Siberia fino a qualche migliaia di anni fa, ed è imparentato maggiormente con i Siberiani dell’Alto Paleolitico piuttosto che con popoli europei viventi. Tracce di questa popolazione sono state trovate nel genoma di un bambino siberiano risalente a 24.000 anni fa. Pubblicato il mese scorso, il genoma del ragazzino indica che i membri di questa antica e misteriosa popolazione si sono incrociati sia con gli antenati dei nativi americani che con gli europei [3].

Diverse migrazioni
Confrontando i dati appena ottenuti con il genoma degli europei odierni si nota che gli attuali abitanti del continente sono essenzialmente un melting pot tra questi tre gruppi. Gli scozzesi e gli estoni, ad esempio, trovano la loro discendenza negli euroasiatici settentrionali più degli altri europei, mentre i Sardi, invece, hanno una ascendenza più vicina delle altre popolazioni a quella degli agricoltori provenienti da est.

I nuovi dati forniscono anche evidenze in più agli studi sulle prime migrazioni della nostra specie fuori dal continente africano. Il team di Krause ha scoperto che gli agricoltori provenienti dal Medio Oriente si sono separati dai loro antenati africani prima di quanto abbiano fatto gli europei ed i gruppi asiatici. Una possibile spiegazione di questo modello è data dal fatto che gli agricoltori discendono dagli umani che si insediarono in Israele e nella Penisola Arabica 100.000-120.000 anni fa.

Molti ricercatori hanno ipotizzato che questi siti rappresentano le migrazioni avvenute fuori dall’Africa che poi sono fallite, visto che altre evidenze indicano che il continente è stato lasciato alle spalle prima di 100.000 anni fa.

“Penso che nessuno si aspettasse una scoperta del genere” dice Eske Willerselve, paleogenetista dell’Università di Copenhagen. Afferma però che sarà difficile dimostrare l’esistenza della popolazione, e aggiunge: “Se però fosse corretto, sarebbe interessante”.

“Sarebbe veramente bello trovare un individuo con una discendenza diretta da questa popolazione” dice Pontus Skogland, genetista evolutivo dell’Università di Uppasala, in Svezia. Il DNA antico non dura molto in regioni che presentano climi caldi e umidi, per questo motivo, riuscire a studiare genomi delle popolazioni mediorientali richiede un ulteriore avanzamento tecnologico unito a un po’ di fortuna.

Lalueza-Fox non ha voluto discutere del lavoro svolto dalla sua squadra, ma mette in guardia sul fare troppe ipotesi circa il popolamento dell’Europa utilizzando solo qualche manciata di antichi genomi provenienti da un singolo periodo storico. “Salteranno fuori numerose altre migrazioni e spostamenti, e quindi nei prossimi anni ci sarà spazio per ulteriori indagini” dice il ricercatore.

Daniel Iversen
14 gennaio 2013

[1] http://dx.doi.org/10.1101/001552
[2] Sánchez-Quinto, F. et al. Curr. Biol. 22, 1494–1499 (2012).
[3] http://www.nature.com/news/americas-natives-have-european-roots-1.14213 

Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Live
  • Google Buzz
Aggiunto in: Ricerca, Ricerca & Scienza

Articoli recenti

Bookmark and Promote!

Commenta

Puoi commentare più in fretta utilizzando gli account dei social network più famosi!

Facebook
Google
Twitter

Invia commento

© 2014 Scienze Naturali. Tutti i diritti riservati.
Tema a cura di Scienze Naturali.