0

Nuove tecnologie: cobalto in sostituzione dei metalli preziosi

Frammenti di cobalto puro – 99.9% (Alchemist-hp)

Il cobalto è un minerale abbastanza comune e reperibile quindi a basso costo. Questa una delle caratteristiche che lo hanno reso protagonista di studi che ne prevedono l’applicazione in seno alle nuove tecnologie.

Il cobalto, integrato in una molecola complessa in grado di imitare le caratteristiche dei metalli preziosi utilizzati ad oggi in ambito industriale per molti processi di catalizzazione, potrebbe diventare il perno per le tecnologie verdi di nuova concezione, dalla produzione di biocarburanti al riassorbimento della anidride carbonica in eccesso.

I catalizzatori utilizzati nelle attuali tecnologie infatti, da quelli usati all’interno delle marmitte catalitiche a quelli utilizzati nel campo delle energie rinnovabili, hanno normalmente costi molto elevati trattandosi di materiali preziosi od elementi rari.

Il cobalto potrebbe dare una spinta fondamentale all’abbattimento dei costi, sia dei processi di conversione e conservazione delle energie alternative, sia dei processi di purificazione ed eliminazione delle sostanze tossiche, creando condizioni economiche favorevoli all’utilizzo di tecnologie green che vedono, ancora oggi, proprio nel costo il principale freno al loro impiego.

Una chimica sostenibile viene quindi incontro ad una tecnologia sostenibile, creando alternative non solo efficienti, ma anche economicamente vantaggiose.

La scommessa è quella di rendere le tecnologie sostenibili via via più vantaggiose, in modo che la scelta del loro utilizzo diventi non solo un vantaggio per tutto l’ecosistema, ma un vero e proprio vantaggio anche per le industrie che, al momento, proprio dai costi sono frenate.

Se nei processi di catalisi al platino, al palladio, al radio, al rutenio, potranno essere sostituite molecole che inglobano il comune e diffusissimo cobalto, la scelta delle diverse industrie non sarà solo una scelta opzionale, una scelta green di principio, ma una vera e propria scelta che anche economicamente le porterà ad essere avvantaggiate.

Se le tecnologie sostenibili costano alle aziende, infatti, il loro mancato utilizzo costa via via di più al nostro ecosistema ed il catalizzatore a base di cobalto fa sicuramente parte della soluzione.

Morena Lolli
2 dicembre 2012

Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Live
  • Google Buzz
Aggiunto in: Ricerca, Ricerca & Scienza

Articoli recenti

Bookmark and Promote!

Commenta

Puoi commentare più in fretta utilizzando gli account dei social network più famosi!

Facebook
Google
Twitter

Invia commento

© 2012 Scienze Naturali. Tutti i diritti riservati.
Tema a cura di Scienze Naturali.