0

Monitorare i pazienti usando una T-shirt intelligente

Gli scienziati della Universidad Carlos III di Madrid che partecipano al consorzio LOBIN hanno sviluppato una T-shirt  ‘intelligente’ che controlla il corpo umano (tet-shirt intelligentemperatura, frequenza cardiaca, ecc) e individua i pazienti all’interno dell’ospedale, come se fosse un sistema GPS che funziona in ambienti chiusi.

Si può anche determinare se il soggetto è seduto, sdraiato, se sta camminando o correndo. L’utilizzo di questa piattaforma, che fornisce il  biomonitoraggio del paziente sotto forma di indumento, permette ai ricercatori di registrare un certo numero di parametri fisiologici del paziente in  modo non intrusivo. “Le informazioni raccolte da una T-shirt intelligente, usando la tecnologia tessile, vengono inviate, senza l’utilizzo di cavi, ad un sistema di gestione delle informazioni, che poi mostra la posizione del paziente e i segni vitali in tempo reale”, spiegano i ricercatori.

Il sistema è progettato per essere utilizzato negli ospedali e può essere diviso in due parti: l’infrastruttura fissa, che sarebbe pre-installata in ospedale, e le unità mobili, che si muoverebbe con i pazienti. Le unità mobili sono delle T-shirt intelligenti e un dispositivo di localizzazione, che può essere trasportato in una tasca. La maglietta è lavabile e comprende elettrodi che rilevano il potere bioelettrico,  attraverso i quali si può ottenere  un elettrocardiogramma.

Inoltre, la T-shirt ha un dispositivo rimovibile che comprende un termometro e un accelerometro, che vengono utilizzati per misurare la temperatura del paziente, la sua posizione (sdraiato, in piedi, ecc) e il suo livello di attività fisica. Infine, l’unità di localizzazione interna viene attivata periodicamente, riceve i segnali dalle unità che compongono l’infrastruttura fissa e wireless di localizzazione  che invia informazioni al sistema di gestione delle informazioni. Una volta ricevute le informazioni, l’algoritmo di localizzazione che è stato sviluppato è in grado di stabilire la posizione dell’individuo con un margine di errore di uno o due metri e di segnare il punto su una mappa dell’ospedale.


Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Live
  • Google Buzz
Aggiunto in: Ricerca, Ricerca & Scienza, Salute, Salute & Medicina

Articoli recenti

Bookmark and Promote!

Commenta

Puoi commentare più in fretta utilizzando gli account dei social network più famosi!

Facebook
Google
Twitter

Invia commento

© 2011 Scienze Naturali. Tutti i diritti riservati.
Tema a cura di Scienze Naturali.