0

Mangiare verdura e frutta può cambiare l’effetto dei geni nelle malattie cardiache

Un’antica credenza suggerisce che non si può cambiare la propria famiglia, i geni o gli effetti dei geni familiari si trasmettono. Ora, un team internazionale di scienziati, guidati dafruttaricercatori della McMaster e dell’università McGill, sta attaccando questa convinzione.

I ricercatori hanno scoperto che il gene che rappresenta il più forte marcatore per le malattie di cuore può effettivamente essere modificato mangiando una generosa quantità di frutta e verdura cruda. I risultati del loro studio sono stati pubblicati nel numero corrente della rivista  PLoS Medicine. “Sappiamo che le varianti genetiche di 9p21 aumentano il rischio di malattie cardiache per coloro che ne sono portatori”, ha affermato Jamie Engert,  ricercatore principale dello studio, esperto in malattie cardiovascolari presso l’Istituto di ricerca della McGill University Health Centre (RI-MUHC) e membro associato presso il Dipartimento di Genetica Umana presso la McGill University.

“Ma è stata una sorpresa scoprire che una dieta sana può indebolire in modo significativo l’effetto di questo gene.” La ricerca, che rappresenta uno dei più grandi  studi genetici di interazione mai condotti sulle malattie cardiovascolari, ha coinvolto l’analisi di oltre 27.000 persone provenienti da cinque etnie – europea, dell’Asia meridionale, cinese, latino-americana e araba – e l’effetto che la loro dieta ha avuto sul gene 9p21. I risultati suggeriscono che gli individui con il genotipo ad alto rischio che hanno consumato una dieta sana, composta principalmente da verdure crude, frutta e bacche, ha avuto un rischio di attacco di cuore analogo a quelli con genotipo a basso rischio.

“Abbiamo osservato che l’effetto di un genotipo ad alto rischio può essere attenuato attraverso il consumo di una dieta ricca di frutta e verdura”, ha detto Sonia Anand, uno dei principali ricercatori dello studio e ricercatore presso il Population Health Research Institute e professore di medicina ed epidemiologia presso la Scuola di Michael G. Degroote di Medicina presso la McMaster University. “I nostri risultati supportano la raccomandazione della sanità pubblica a consumare più di cinque porzioni di frutta o verdura come un modo per promuovere la buona salute.”
“La nostra ricerca suggerisce che ci può essere un importante interazione tra geni e dieta nelle malattie cardiovascolari”, dice l’autore principale dello studio dottor Ron Do, che ha condotto questa ricerca come parte del suo dottorato di ricerca presso la McGill . “La ricerca futura è necessaria per capire il meccanismo di questa interazione, che farà luce sui processi metabolici sottostanti in cui il gene 9p21 è coinvolto.”


Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Live
  • Google Buzz
Aggiunto in: Ricerca, Ricerca & Scienza

Articoli recenti

Bookmark and Promote!

Commenta

Puoi commentare più in fretta utilizzando gli account dei social network più famosi!

Facebook
Google
Twitter

Invia commento

© 2011 Scienze Naturali. Tutti i diritti riservati.
Tema a cura di Scienze Naturali.