0

La separazione dalla madre stressa il bambino

Una donna entra in travaglio e partorisce. Il neonato vieneneonatofasciato e messo a dormire in una culla vicino, o portato nella nursery dell’ospedale in modo che la madre possa riposare. Nonostante questa sia una  pratica comune, una nuova ricerca pubblicata in Biological Psychiatry fornisce nuove prove che separare i neonati dalle loro madri è stressante per il bambino. È questa una pratica standard in ambiente ospedaliero, in particolare nelle culture occidentali, le madri separate dai loro neonati. La separazione è comune anche per i bambini nati con patologie di vario tipo o neonati prematuri, che possono essere messi in un’incubatrice. Inoltre, l’American Academy of Pediatrics raccomanda in particolare di non dormire insieme ad un bambino, a causa della sua associazione con la sindrome di morte improvvisa infantile, o SIDS.

Gli esseri umani sono gli unici mammiferi che praticano tale separazione materno-neonatale, ma il suo impatto sulla fisiologia del bambino è stato fino ad ora sconosciuto. I ricercatori hanno misurato la variabilità della frequenza cardiaca nei bambini di due giorni quando dormono per un’ora  a contatto con la pelle materna e da soli in una culla accanto al letto della madre. L’attività neonatale autonomica era del 176% più alto e un sonno tranquillo del 86% più basso durante la separazione dalla madre rispetto  al contatto con la pelle. Il Dr. John Krystal, direttore del Biological Psychiatry, ha commentato i risultati dello studio: “Questo documento mette in evidenza il profondo impatto della separazione materna sul bambino. Sapevamo che fosse un evento stressante, ma questo studio suggerisce che  è un importante fattore di stress fisiologico per il neonato. ”
Questa ricerca affronta una strana contraddizione: nella ricerca su animali, la separazione dalla madre è un modo comune di creare stress al fine di studiarne gli effetti dannosi sullo sviluppo del cervello del neonato. Allo stesso tempo, la separazione dei neonati umani è una pratica comune, in particolare quando l’assistenza medica specialistica è necessaria. “Il contatto pelle a pelle con la madre elimina questa contraddizione,ed i nostri risultati sono un primo passo verso la comprensione del perché i bambini crescono meglio quando vengono allattati pelle a pelle con la madre, rispetto alle cure nell’incubatrice”, ha spiegato  l’autore dello studio, il Dott. Barak Morgan. Saranno necessarie ulteriori ricerche per capire meglio la risposta del neonato alla separazione e se ha effetti sullo sviluppo neurologico a lungo termine.
Tuttavia, la pelle a contatto con la pelle ha evidenziato dei benefici, e di certo, la maggior parte concordano sul fatto che  stressare inutilmente un neonato è inaccettabile.


Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Live
  • Google Buzz
Aggiunto in: Ricerca, Ricerca & Scienza

Articoli recenti

Bookmark and Promote!

Commenta

Puoi commentare più in fretta utilizzando gli account dei social network più famosi!

Facebook
Google
Twitter

Invia commento

© 2011 Scienze Naturali. Tutti i diritti riservati.
Tema a cura di Scienze Naturali.