0

La preferenza per i cibi grassi può avere radici genetiche

Preferire cibi grassi rispetto ad altri è determinato da un gene.

Il preferire vivande ricche in grasse rispetto ad altre sarebbe una condizione determinata dal gene CD36.

Una propensione per i cibi grassi ha una base genetica, secondo i ricercatori, che hanno scoperto che le persone con certe forme del gene CD36 possono preferire questi alimenti rispetto a quelle che hanno altre forme di questo gene. I risultati aiutano a spiegare perché alcune persone soffrono, quando devono seguire una dieta povera di grassi e un giorno potrebbero aiutare le persone nella scelta di diete che sono più facili per loro da seguire.

I risultati possono anche aiutare gli sviluppatori a creare nuovi prodotti alimentari a basso contenuto di grassi che hanno un sapore migliore. “Il grasso è universalmente appetibile per gli esseri umani”, ha detto Kathleen Keller, assistente professore di scienze nutrizionali. “Eppure abbiamo dimostrato per la prima volta che le persone che hanno particolari forme del gene CD36 tendono a preferire cibi più grassi e possono essere a maggior rischio di obesità rispetto a quelli che non hanno questa forma del gene. Negli animali, CD36 è un gene necessario per la capacità di rilevare  e sviluppare preferenze per il grasso.Il nostro studio è uno dei primi a mostrare questo rapporto negli esseri umani.”

Keller e un team di scienziati provenienti da Penn State, dalla Columbia University, dalla Cornell University e dalla Rutgers University hanno esaminato 317 afro-americani maschi e femmine, perché gli individui di questo gruppo etnico sono estremamente vulnerabili all’obesità e quindi sono a maggior rischio per le malattie legate all’obesità. La squadra ha offerto ai partecipanti  salse italiane per insalata  preparate con quantità variabili di olio di canola, che è ricco di acidi grassi a catena lunga. Ai partecipanti è stato poi chiesto di valutare la loro percezione di oleosità dei condimenti, il contenuto di grassi e cremosità su una scala basata sulle estremità con” estremamente basso “e” estremamente alto “.

Il team ha anche dato ai partecipanti questionari volti a comprendere le loro preferenze alimentari. I partecipanti hanno valutato quanto gli piaceva ogni alimento su scala basata su “non piace molto” e “piace molto”.  I ricercatori hanno raccolto campioni di saliva dai partecipanti per determinare quali forme di CD36  avevano. Dai campioni di saliva, hanno estratto frammenti di DNA e hanno esaminato le differenze nel gene CD36 contenuto all’interno dei frammenti. Hanno trovato che i partecipanti che avevano la forma “AA” del gene – presente nel 21 per cento della popolazione – hanno valutato i condimenti per insalata, come più cremosi rispetto agli individui che avevano altre forme del gene. Questi individui hanno riferito che i condimenti erano cremosi indipendentemente dalla quantità di grasso presente. I ricercatori hanno anche scoperto che agli  individui “AA” erano piaciuti i condimenti per insalata, l’ olio d’oliva e altri oli da cucina più di quelli che avevano altre forme del gene. I risultati sono pubblicati in un recente numero della rivista Obesity.


Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Live
  • Google Buzz
Aggiunto in: Ricerca, Ricerca & Scienza

Articoli recenti

Bookmark and Promote!

Commenta

Puoi commentare più in fretta utilizzando gli account dei social network più famosi!

Facebook
Google
Twitter

Invia commento

© 2012 Scienze Naturali. Tutti i diritti riservati.
Tema a cura di Scienze Naturali.