0

La luce è in grado di rilevare le cellule pre-cancerose del colon

Dopo aver dimostrato che la luce accuratamente individua le cellule pre-cancerose nel rivestimento dell’esofago, i bioingegneri dellaluce Duke University hanno rivolto la loro tecnologia al colon e hanno ottenuto risultati simili in una serie di esperimenti preliminari. Questa tecnologia potrebbe essere un metodo non invasivo per i medici per rilevare cellule anormali, o displasie, che hanno il potenziale di diventare cancerose. Queste cellule sono nell’epitelio, o rivestimento, di vari tessuti, tra cui l’esofago e il colon. Attuali tecniche di biopsia richiedono ai medici di prendere molti campioni di tessuto a caso, e per alcune patologie del colon,queste procedure possono essere deturpanti e cambiare la vita .Invece di prendere campioni di tessuto, il nuovo sistema emetterebbe brevi lampi di luce dalla punta di un endoscopio in luoghi sospetti di essere colpiti dalla malattia. “Quando la luce è diretta verso questi tessuti, si disperde,” ha detto Adam Cera,  professore associato di ingegneria biomedica presso la Duke ‘s Pratt School of Engineering, che ha sviluppato il dispositivo. I risultati degli esperimenti preliminari del team della Duke sono stati riportati online sul Journal of Biomedical Optics. “Siamo in grado di raccogliere e analizzare la luce diffusa che cerca  segni di displasia. Significativamente, la tecnica è non invasiva in modo tale che nessun tessuto viene preso e non sono necessari coloranti o agenti di contrasto.” In particolare, i ricercatori stanno cercando di individuare i cambiamenti caratteristici all’interno delle cellule dell’epitelio. Nel caso di cellule pre-cancerose, i nuclei sono deformi e più grandi rispetto a quelle normali, e diffondono la luce in un modo unico.
“La cosa importante per i medici è essere in grado di rilevare questi cambiamenti nei nuclei delle cellule appena sotto la superficie, che potrebbero non essere rilevati  guardando semplicemente il rivestimento del colon attraverso il solo endoscopio”, ha detto Cera.

 

 

Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Live
  • Google Buzz
Aggiunto in: Ricerca, Ricerca & Scienza

Articoli recenti

Bookmark and Promote!

Commenta

Puoi commentare più in fretta utilizzando gli account dei social network più famosi!

Facebook
Google
Twitter

Invia commento

© 2017 Scienze Naturali. Tutti i diritti riservati.
Tema a cura di Scienze Naturali.