0

La depressione nei giovani aumenta il rischio di mortalità per malattie cardiache

Gli effetti negativi della depressione  sulla salute del  cuore nei giovani  può essere più forte di quanto precedentemente individuato. La depressione o una storia di tentativi di suicidio in persone di età inferiore ai 40 anni, soprattutto instress giovani donne, aumenta notevolmente il rischio di morire di malattie cardiache, sondo i risultati di uno studio a livello nazionale. I risultati sono pubblicati nel numero di novembre del 2011 di Archives of general psychiatry.

“Questo è il primo studio che considera la depressione come un fattore di rischio per le malattie cardiache in particolare nei giovani”, dice l’autore senior Viola Vaccarino, MD, PhD, presidente di epidemiologia della Emory Rollins School of Public Health. “Stiamo scoprendo che la depressione è un fattore di rischio notevole per le malattie cardiache nei giovani.

Tra le donne, la depressione sembra essere più importante dei fattori di rischio tradizionali come il fumo, l’ipertensione, l’obesità ex il diabete che non sono comuni nelle donne giovani.” I ricercatori hanno analizzato i dati di 7.641 persone di età compresa tra 17 e 39 anni che hanno partecipato al-NHANES III (National Health and Nutrition Examination Survey-III), un sondaggio nazionale condotto dal National Center for Health Statistics tra il 1988 e il 1994. I decessi sono stati monitorati fino al 2006.

Le donne con depressione o una storia di tentato suicidio avevano un rischio tre volte superiore di morire di malattie cardiovascolari e un rischio 14 volte maggiore di morire per cardiopatia ischemica (infarto). Le cifre corrispondenti per gli uomini erano di un rischio 2,4 volte più elevato  per le malattie cardiovascolari e un rischio 3,5 volte maggiore per cardiopatia ischemica.

Questo è il primo studio che esamina  storie di tentativi di suicidio dovuti alla depressione come  indicatori per la mortalità da malattie cardiovascolari future. Inoltre, a differenza della maggior parte degli studi precedenti sulla depressione e malattie cardiache, gli autori hanno esaminato la depressione maggiore, che è stata valutata con un colloquio clinico sulla base di criteri diagnostici, invece di usare i punteggi di un questionario per i sintomi della depressione. Gli autori suggeriscono che la diagnosi clinica può essere “un indicatore di rischio più forte.”

L’uso di antidepressivi non è stato incluso come un fattore di rischio perché meno del sei per cento di quelli con depressione o una storia di tentativi di suicidio hanno riferito il loro uso. I ricercatori hanno considerato la possibilità che le persone depresse possono avere più fattori di rischio legati allo stile di vita come il fumo e cattiva alimentazione. Hanno trovato un legame significativo al rischio di malattie cardiache provenienti da depressione e tentativi di suicidio, anche dopo la correzione statistica per i comportamenti non salutari.


Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Live
  • Google Buzz
Aggiunto in: Ricerca, Ricerca & Scienza

Articoli recenti

Bookmark and Promote!

Commenta

Puoi commentare più in fretta utilizzando gli account dei social network più famosi!

Facebook
Google
Twitter

Invia commento

© 2011 Scienze Naturali. Tutti i diritti riservati.
Tema a cura di Scienze Naturali.