0

I bambini in età prescolare hanno una percezione negativa dei bambini in sovrappeso

Uno studio canadese ha scoperto che alcuni bambini in età prescolare  percepiscono i bambini in sovrappeso in maniera non positiva. “La percezione che un bambino ha dell’immagine corporea è influenzata da molti fattori legati all’ambiente, ma non vi sono state molte ricerche condotte in questo campo con i figli piccoli”, dice Su Wei, autore principale dello studio che ha condotto la ricerca come parte della sua tesi del master sugli studi della prima infanzia alla Ryerson University. Wei Su, in collaborazione con Aurelia Di Santo, professoressa nella Scuola Ryerson di educazione della prima infanzia, ha parlato con 41 bambini (21 maschi e 20 femmine) di età compresa tra due anni e mezzo e cinque anni. Ogni bambino ha ascoltato quattro storie, due di maschi e due di femmine;  in ogni storia un bambino dice o fa qualcosa di ‘bello’ e l’altro bambino fa o dice qualcosa di “brutto”.

Dopo ogni storia, al bambino viene mostrato un esempio di due figure  senza alcun lineamento facciale: una che non è in sovrappeso e una che lo è. Al bambino viene quindi chiesto di individuare quale figura è “bella” e quale è “brutta”. I ricercatori hanno scoperto che quasi il 44 per cento dei bambini ha dichiarato che  il bambino  in sovrappeso era  il bambino”brutto” in tutte e quattro le storie. Quando ai bambini è stato chiesto di dare una ragione riguardo alla loro scelta, hanno detto che le figure sembravano “veramente, veramente brutte” o “pazze” e che il bambino “brutto” sembrava “più grasso” o “più grande”, anche se le figure non avevano le espressioni facciali. Poco più del due per cento dei bambini ha identificato il bambino più pesante come “bello” in tutte e quattro le storie. “Sulla base di questi risultati, i bambini in età prescolare di età inferiore ai due anni e mezzo sono stati esposti a molti fattori nel loro ambiente che sembrano avere un impatto sull’immagine del corpo”, spiega Su.

“I bambini in età prescolare su cui abbiamo lavorato in questo studio tendevano ad avere queste percezioni negative”, aggiunge Di Santo. “Questo ci dice che dobbiamo prestare più attenzione a quello che succede durante l’età prescolare”. Per far fronte a queste percezioni negative, i ricercatori raccomandano che i genitori, gli operatori sanitari e gli educatori della prima infanzia dovrebbero riflettere sul loro atteggiamento nei confronti dell’immagine del corpo e cercare di non proiettare queste idee sui bambini. “Abbiamo bisogno di rafforzare i valori positivi riguardo all’immagine corporea nei bambini piccoli, soprattutto quando ci sono le attività a casa o nei primi centri di apprendimento che coinvolgono le discussioni su una sana alimentazione”, spiega Di Santo.”Abbiamo anche bisogno di ascoltare davvero quello che i bambini hanno da dire sull’immagine del corpo e lavorare con quella.”

Maria Grazia Midossi


Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Live
  • Google Buzz
Aggiunto in: Ricerca, Ricerca & Scienza

Articoli recenti

Bookmark and Promote!

Commenta

Puoi commentare più in fretta utilizzando gli account dei social network più famosi!

Facebook
Google
Twitter

Invia commento

© 2017 Scienze Naturali. Tutti i diritti riservati.
Tema a cura di Scienze Naturali.