0

Gli uomini “mai sposati” hanno più probabilità di morire di cancro

È noto che i non sposati hanno in generale più probabilità di morire rispetto ai loro analoghi sposati e ci sono segnali che indicano che il divario, in realtà, sta peggiorando. Una nuova ricerca pubblicata inmatrimonio BioMed Central’s open access journal BMC Public Health esamina i cambiamenti in termini di sopravvivenza negli ultimi 40 anni, e mostra che la differenza di mortalità tra gli sposati e coloro che non si sono mai sposati è perfino aumentata.

Håkon Kravdal  dell’Università di Oslo e il dottor Astri Sysedal del Registro Tumori della Norvegia, hanno esaminato i dati di sopravvivenza di pazienti con diagnosi di cancro tra il 1970 e il 2007 e rispetto al loro stato civile – sposati, mai sposati, divorziati / separati o vedovi.

I loro risultati hanno mostrato che i non sposati hanno un rischio maggiore di mortalità, indipendentemente da età, istruzione, sede del tumore, tempo trascorso dalla diagnosi, e lo stadio del cancro. Inoltre, nel corso dei 40 anni analizzati dallo studio, l’effetto di non essere mai stati sposati ha mostrato un aumento della mortalità dal 18% al 35% per gli uomini e dal 17% al 22% per le donne.

Il Dr Astri Syse ha spiegato: “Le differenze di sopravvivenza tra persone non sposate e sposate con il cancro potrebbe essere spiegato con una migliore salute generale al momento della diagnosi o meglio con una maggiore aderenza a regimi di trattamento e follow up. Håkon Kravdal ha continuato,” Un problema con questo tipo di studio è che le persone conviventi sono sparsi nei gruppi dei mai sposati, divorziati / separati, vedovi. Di conseguenza, presumendo che i conviventi abbiano gli stessi benefici delle coppie sposate, le differenze effettive tra coppie e single sono probabilmente molto più alte. “


Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Live
  • Google Buzz
Aggiunto in: Ricerca, Ricerca & Scienza

Articoli recenti

Bookmark and Promote!

Commenta

Puoi commentare più in fretta utilizzando gli account dei social network più famosi!

Facebook
Google
Twitter

Invia commento

© 2017 Scienze Naturali. Tutti i diritti riservati.
Tema a cura di Scienze Naturali.