0

Esiste un’associazione tra menopausa, obesità e disturbi cognitivi

L’obesità è stata associata al declino cognitivo, caratterizzato da un deterioramento delle capacità mentali che coinvolge la memoria, il linguaggio e la velocità di elaborazione del pensiero. Ma in uno studio su 300 donne in post-menopausa incluse nel Programma di Prevenzione Cardiovascolare “Corazón Sano”, in Argentina, le partecipanti allo studio, obese, hanno avuto risultati migliori su tre test cognitivi rispetto alle partecipanti di peso normale, portando i ricercatori a riflettere sul ruolo degli ormoni sessuali e la cognizione.

Secondo l’autore principale dello studio, Judith M. Zilberman, MD, della Scuola di Farmacia e Biochimica del Dipartimento di Fisiologia, e l’Istituto cardiovascolare di Buenos Aires, questi risultati possono essere attribuiti agli estrogeni immagazzinati e rilasciati dalle cellule adipose. LA Dott.ssa  Zilberman discuterà le scoperte del suo team alla Physiology of Cardiovascular Disease: Gender Disparities conference il 12-14 ottobre, presso la University of Mississippi a Jackson. La conferenza è sponsorizzata dalla American Physiological Society con il sostegno aggiuntivo della American Heart Association.

La presentazione è intitolata, “Associazione tra menopausa, obesità e deficit cognitivo.” I ricercatori hanno esaminato i dati di 678 donne che avevano partecipato allo studio a Villa María, Córdoba. Di queste, 300 (44,3 per cento) erano in stato di post-menopausa da almeno 1 anno. Di queste, 158 donne (52,6 per cento) sono state classificate come obese per la circonferenza della vita o per l’indice di massa corporea (BMI). La media delle donne nel gruppo era di 59,8 anni. Ognuna delle 300 donne in post-menopausa è stata sottoposta a tre test cognitivi: Il Mini-Mental State Examination, un test comune per la valutazione dello stato cognitivo globale, un disegno  di un orologio come prova per determinare la funzione esecutiva delle donne (la pianificazione, il problem-solving, il ragionamento verbale , ecc) e il Test di Boston  per valutare la memoria delle donne. I ricercatori hanno scoperto che il BMI era positivamente correlato con alti livelli di cognizione. Inoltre hanno trovato una pari correlazione tra l’obesità  correlata alla circonferenza della vita e la cognizione globale. “Dove c’è aumento del tessuto adiposo, vi è un aumento degli estrogeni”, ha detto la Dott.ssa Zilberman. “La mia ipotesi è che gli estrogeni possono essere protettivi della funzione cognitiva in questo caso.”

Secondo la Dott.ssa Zilberman, esiste la possibilità che gli estrogeni naturali delle stesse cellule di grasso della donna possono contribuire a conservare la cognizione. “Sulla base di studi precedenti, molti istituti di ricerca hanno deciso di raccomandare gli estrogeni come  intervento preventivo in caso di alterazione cognitiva o demenza,” ha detto.”Questo è ciò che rende i nostri risultati così importanti.”

 

Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Live
  • Google Buzz
Aggiunto in: Ricerca, Ricerca & Scienza

Articoli recenti

Bookmark and Promote!

Commenta

Puoi commentare più in fretta utilizzando gli account dei social network più famosi!

Facebook
Google
Twitter

Invia commento

© 2017 Scienze Naturali. Tutti i diritti riservati.
Tema a cura di Scienze Naturali.