0

Perché alcune persone non dimenticano mai un viso

“Il riconoscimento facciale è un’abilità sociale importante, ma non tutti sono ugualmente bravi a farlo”, ha detto lo psicologo cognitivo Liu Jia  della Normal University di Pechino. Ma qual è l’elemento che  spiega questa differenza? Un nuovo studio di Liu e altri colleghi fornisce la prima evidenza sperimentale che la disuguaglianza di abilità è radicata nel modo unico in cui la mente percepisce i volti. “Gli individui che elaborano i  volti in maniera più olistica” – cioè, come un insieme integrato – “sono più bravi nel riconoscimento facciale”, dice Liu. I risultati appariranno nel prossimo numero di Psychological Science, una rivista pubblicata dalla Association for Psychological Science.
Nella vita quotidiana,  riconosciamo i volti sia olisticamente che “analiticamente” – cioè, individuando le singole parti, come gli occhi o il naso. Ma mentre il cervello utilizza l’elaborazione analitica per tutti i tipi di oggetti – automobili, case, gli animali – “il procedimento olistico è pensato per essere particolarmente applicato al riconoscimento del volto”, dice Liu.
Per isolare l’elaborazione olistica come chiave per affrontare il riconoscimento, i ricercatori hanno prima misurato la capacità dei partecipanti allo studio – 337 studenti maschi e femmine – di ricordare volti interi, con un compito in cui dovevano selezionare le facce studiate e fiori tra quelli non familiari. I due compiti successivi misuravano le prestazioni nel trattamento olistico. Il composito faccia effetto (CFE) mostra quando due visi sono divisi orizzontalmente e incollati. È più facile identificare la metà superiore della faccia quando è allineata  con quella inferiore rispetto a quando le due metà sono montate  insieme. “Questo perché il nostro cervello associa automaticamente le due metà per formare una nuova – e sconosciuta – “faccia”, dice Liu. L’altro marcatore di trattamento olistico è l’effetto dell’intero (WPE). In questo, alle persone è stato mostrato un volto, e stato chiesto loro di riconoscere una parte di esso- per esempio, il naso. Le persone fanno meglio quando la funzione è presentata all’interno del viso rispetto a quando si trova da sola . I ricercatori hanno anche valutato l’intelligenza generale dei partecipanti.
I risultati: i partecipanti che hanno ottenuto un punteggio superiore sulle CFE e WPE – cioè, che hanno fatto bene nell’elaborazione olistica – hanno anche ottenuto risultati migliori nel primo compito di riconoscere i volti. Ma non c’era alcun legame tra il riconoscimento facciale e l’intelligenza generale, che si compone di vari processi “Le nostre scoperte spiegano in parte perché alcuni non dimenticano mai i volti, mentre altri non riconoscono spesso i loro amici e parenti “, dice Liu. Ecco perché la ricerca è promettente per le terapie per questa seconda categoria di persone, che possono soffrire di disturbi come la prosopagnosia (cecità dei volti) e l’autismo.


Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Live
  • Google Buzz
Aggiunto in: Ricerca & Scienza

Articoli recenti

Bookmark and Promote!

Commenta

Puoi commentare più in fretta utilizzando gli account dei social network più famosi!

Facebook
Google
Twitter

Invia commento

© 2017 Scienze Naturali. Tutti i diritti riservati.
Tema a cura di Scienze Naturali.