La natura e l’educazione lavorano insieme per formare il cervello

Gli scienziati hanno presentato una nuova ricerca, dimostrando che le esperienze di vita possono avere un impatto sui geni e sul comportamento. Gli studi esaminano in che modo tali informazioni ambientali possono essere trasmesse da una generazione all’altra (un fenomeno noto come epigenetica). Questa nuova conoscenza potrebbe in ultima analisi a migliorare la comprensione della plasticità cerebrale, i benefici cognitivi della maternità, e come l’esposizione di un genitore alla droga, all’alcool e allo stress possono alterare lo sviluppo del cervello e il comportamento nella loro prole. I risultati sono stati presentati a Neuroscience 2011, il meeting annuale della Society for Neuroscience e la più grande fonte mondiale di notizie emergenti riguardo alla scienza del cervello e della salute. Le nuove scoperte mostrano che: l’attivazione delle cellule del cervello cambia una proteina coinvolta nel trasformare e disattivare i geni, suggerendo che la proteina può avere un ruolo nella plasticità del cervello. L’esposizione prenatale alle anfetamine e all’alcol produce un numero anormale di cromosomi fetali nel cervello del topo. I risultati suggeriscono che questi conteggi anormali possono contribuire a difetti dello sviluppo nei bambini esposti a droghe e ad alcol nell’utero.
I cambiamenti indotti dalla cocaina nel cervello possono essere ereditabili. I figli di ratti maschi esposti a cocaina sono resistenti agli effetti gratificanti del farmaco. La maternità protegge i topi di sesso femminile contro alcuni degli effetti negativi dello stress.
“La ricerca negli ultimi anni ha radicalmente cambiato quello che sappiamo su come i comportamenti vengono ereditati”, ha detto in conferenza stampa il moderatore Flora Vaccarino, MD, della Yale University, un’esperta di sviluppo del cervello. “I risultati di oggi dimostrano come i nostri geni e l’ambiente di lavoro insieme  influenzano lo sviluppo del cervello per tutta la vita.”
Questa ricerca è stata sostenuta da agenzie nazionali, come il National Institutes of Health, così come da organizzazioni private e filantropiche.

 

Condividi

Commenti