1

Innocui batteri presenti nel terreno sono utili contro il cancro

Un ceppo batterico che ha come obiettivo i tumori potrebbe presto essere utilizzato come veicolo per il rilascio di farmaci nella terapia in prima linea contro il cancroClostridium sporogenesIl ceppo dovrebbe essere testato in pazienti affetti da cancro nel 2013, ha detto  uno scienziato nella conferenza autunnale della Society for General Microbiology presso l’Università di York.

La terapia si avvale di Clostridium sporogenes – un batterio che è diffuso nel terreno. Le spore del batterio sono iniettate nel paziente e  crescono solo nei tumori solidi, dove si produce uno specifico enzima batterico. Un farmaco anti-cancro viene iniettato nel paziente separatamente in forma inattiva il “pro-farmaco”. Quando il pro-farmaco raggiunge la sede del tumore, l’enzima batterico attiva il farmaco, permettendo così di distruggere solo le cellule nelle sue vicinanze,ossia le cellule tumorali.

I ricercatori dell’Università di Nottingham e dell’Università di Maastricht, hanno superato gli ostacoli che hanno finora impedito a questa terapia di entrare negli studi clinici. Essi hanno introdotto un gene per una versione molto migliorata dell’enzima nel DNA del C. sporogenes. L’enzima migliorato ora può essere prodotto in quantità molto maggiore nel tumore rispetto alle versioni precedenti, ed è più efficiente nel convertire il pro-farmaco nella sua forma attiva. Un requisito fondamentale per qualsiasi nuova terapia del cancro è la capacità di colpire le cellule tumorali,  escludendo le cellule sane. Il Professor Nigel Minton, che sta conducendo la ricerca, spiega come questa terapia naturale soddisfa questa esigenza. “I clostridi sono un antico gruppo di batteri che si sono evoluti nel pianeta prima che questo avesse a un’ atmosfera ricca di ossigeno e ha potuto così prosperare in condizioni di scarsità di ossigeno.

Quando spore di clostridi  vengono iniettate in un malato di cancro, esse potranno  crescere solo in  ambienti poveri di ossigeno, cioè il centro dei tumori solidi. Questo è un fenomeno totalmente naturale,che non richiede modifiche fondamentali ed è squisitamente specifico. Possiamo sfruttare questa specificità per uccidere le cellule tumorali lasciando illesi i tessuti sani “, ha detto il ricercatore. La ricerca può in ultima analisi, portare ad una procedura semplice e sicura per curare una vasta gamma di tumori solidi. “Questa terapia ucciderà tutti i tipi di cellule tumorali. Il trattamento è superiore a un intervento chirurgico, soprattutto per i pazienti ad alto rischio o con sedi tumorali difficili”, ha spiegato il professor Minton. “Prevediamo che il ceppo che abbiamo sviluppato sarà utilizzato in uno studio clinico condotto nel 2013 da Jan Theys e Philippe Lambin presso l’Università di Maastricht nei Paesi Bassi. Un risultato positivo potrebbe portare alla sua adozione come terapia di prima linea per il trattamento di tumori solidi . Se l’approccio è utilizzato in combinazione con gli approcci più tradizionali, questo potrebbe aumentare la nostra possibilità di vincere la battaglia contro i tumori cancerosi. “


Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Live
  • Google Buzz
Aggiunto in: Ricerca & Scienza

Articoli recenti

Bookmark and Promote!

Un commento a "Innocui batteri presenti nel terreno sono utili contro il cancro"

  1. Stefano ha detto:

    Davvero un bel’ articolo!

Commenta

Puoi commentare più in fretta utilizzando gli account dei social network più famosi!

Facebook
Google
Twitter

Invia commento

© 2011 Scienze Naturali. Tutti i diritti riservati.
Tema a cura di Scienze Naturali.