0

I percorsi cerebrali funzionali sono alterati nei bambini con ADHD

Utilizzando la risonanza magnetica funzionale (fMRI), i ricercatori hanno individuato anomalie nel cervello dei bambini con deficit di attenzione /iperattività (ADHD), che può servire come biomarcatore per il disturbo, secondo uno studio presentato il 28 novembre in occasione della riunione annuale della Radiological Society of North America (RSNA).

L’ADHD è uno dei disturbi infantili più comuni, colpisce circa il 5-8 per cento dei bambini in età scolare. I sintomi, che possono continuare anche in età adulta, sono comportamenti legati alla disattenzione, iperattività e impulsività che sono fuori dal comportamento  normale per l’età e per lo sviluppo di un bambino.

Secondo l’Istituto Nazionale di Salute Mentale, non esiste un singolo test in grado di diagnosticare  la malattia ad un bambino. Di conseguenza, i bambini difficili sono spesso erroneamente etichettati con ADHD, mentre gli altri bambini con il disturbo rimangono non diagnosticati.
“La diagnosi di ADHD è molto difficile a causa della sua grande varietà di sintomi comportamentali”, ha detto il ricercatore Xiaobo Li, Ph.D., assistente professore di radiologia presso l’Albert Einstein College of Medicine di New York.
“Stabilire un biomarcatore affidabile di imaging di ADHD sarebbe un importante contributo”. Per lo studio, il Dott. Li e i colleghi hanno eseguito fMRI su 18 bambini con sviluppo tipico e 18 bambini con diagnosi di ADHD (fascia di età 9-15 anni). Mentre erano sottoposti al fMRI, i bambini erano impegnati a sostenere un test di attenzione  in cui sono stati mostrati una serie di tre numeri e poi è stato chiesto se i gruppi successivi di numeri erano abbinati alla serie originale. Per ogni partecipante, la fMRI ha prodotto una mappa di attivazione cerebrale che ha rivelato quali regioni del cervello si attivano quando il bambino  esegue l’operazione.

I ricercatori hanno poi confrontato le mappe di attivazione cerebrale dei due gruppi. Rispetto al gruppo di controllo normale, i bambini con ADHD hanno mostrato un’anormale attività funzionale in diverse regioni del cervello coinvolte nell’elaborazione delle informazioni provenienti da attenzione visiva. I ricercatori hanno anche scoperto che la comunicazione tra le regioni del cervello in questo percorso di elaborazione dell’attenzione visiva  è stato interrotto nei bambini con ADHD. “Questo ci dice  che i bambini con ADHD  utilizzano parzialmente i diversi percorsi funzionali del cervello per elaborare queste informazioni, il che può essere causato dall’alterazione dei percorsi di materia bianca, coinvolti nell’ elaborazione visiva,” ha detto il Dott.  Li. Ha anche aggiunto che gran parte della ricerca condotta sull’ ADHD si è concentrata sulla componente impulsiva del disturbo. “La disattenzione è una componente altrettanto importante di questo disturbo”, ha detto, “i nostri risultati contribuiscono alla comprensione della patologia di disattenzione nell’ ADHD.”

 

 

 

Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Live
  • Google Buzz
Aggiunto in: Ricerca & Scienza

Articoli recenti

Bookmark and Promote!

Commenta

Puoi commentare più in fretta utilizzando gli account dei social network più famosi!

Facebook
Google
Twitter

Invia commento

© 2017 Scienze Naturali. Tutti i diritti riservati.
Tema a cura di Scienze Naturali.