0

Gli effetti del “mini-ictus” possono accorciare l’aspettativa di vita

Avere un attacco ischemico transitorio (TIA), o “mini-ictus”, può ridurre l’aspettativa di vita del 20%, secondo un nuovo studio pubblicato in Stroke: Journal of the American Heart Association. “La gente che subisce un attacco ischemico transitorio non morirà per il mini-colpo, ma avrà un alto rischio di ictus precoce e anche un aumentato rischio di problemi futuri che possono ridurre l’aspettativa di vita”, ha affermato Melina Gattellari, Ph.D., docente presso  la School of Public Health e la Community Medicine in The University of New South Wales, Sydney e l’Ingham Institute a Liverpool, Australia. “I nostri risultati suggeriscono che i pazienti e i medici devono essere attenti a gestire lo stile di vita e i fattori di rischio medico per anni dopo un attacco ischemico transitorio”. I ricercatori hanno identificato 22.157 adulti ricoverati in ospedale con un attacco ischemico transitorio da luglio 2000 a giugno 2007 a New South Wales, Australia, e ne hanno controllato le cartelle cliniche per un minimo di due anni. Hanno raccolto i dati del Registro di morte  fino a giugno 2009 e i tassi di mortalità  della popolazione dello studio rispetto a quelli della popolazione generale. L’età media era 78 per pazienti di sesso femminile e 73 per i pazienti di sesso maschile, il 23,9% aveva meno di 65 e il 19,4% era di età superiore ai 85. Ad un anno dopo il ricovero, il 91.5% dei pazienti colpiti da un attacco ischemico transitorio erano ancora in vita, rispetto al 95% di sopravvivenza atteso nella popolazione generale.
Alla fine dello studio, la sopravvivenza dei pazienti colpiti da un attacco ischemico transitorio è stata del 20% inferiore al previsto. L’aumento dell’età era associato ad un aumento del rischio di morte rispetto alla popolazione corrispondente. Il “mini-ictus” ha avuto solo un effetto minimo sui pazienti di età inferiore ai 50 anni, ma ha ridotto significativamente l’aspettativa di vita in quelli di età superiore ai 65 anni.
“Abbiamo pensato che può essere vero il contrario – che i tassi di sopravvivenza nei pazienti TIA più anziani sarebbe come gli altri anziani, che, pur non colpiti da TIA, sono affetti da altre condizioni che possono influenzare la loro sopravvivenza”, ha detto Gattellari. “Ma anche una storia lontana di TIA è fattore determinante della prognosi, certamente, i rischi per i pazienti TIA vanno ben oltre il loro rischio di ictus precoce.” I ricercatori hanno anche esaminato le cartelle cliniche dei pazienti TIA per altri rischi per la loro salute: l’insufficienza cardiaca congestizia è un risultato associato con un rischio 3,3 volte maggiore di morire.
La fibrillazione atriale è stata associata al doppio  rischio di morte. In generale, gli adulti con una storia di TIA possono massimizzare le loro possibilità di vivere una lunga vita attraverso l’adozione di abitudini di vita sane, con esercizi quotidiani, mantenendo un peso sano, smettendo di fumare e mangiando sano, ha detto Gattellari.

 

Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Live
  • Google Buzz
Aggiunto in: Medicina, Ricerca & Scienza, Salute & Medicina

Articoli recenti

Bookmark and Promote!

Commenta

Puoi commentare più in fretta utilizzando gli account dei social network più famosi!

Facebook
Google
Twitter

Invia commento

© 2011 Scienze Naturali. Tutti i diritti riservati.
Tema a cura di Scienze Naturali.