2

Favignana, Isole Egadi. 10mila anni fa ci si arrivava a piedi

L’Arcipelago delle Egadi è formato da tre isole, Favignana, Levanto e Marettimo, e da pochi altri isolotti, poco più che scogli, situati tra i 7 chilometri  (Favignana) e i 15 chilometri (Marettimo) di distanza dalla costa occidentale della Sicilia, tra Trapani e Marsala. Le isole erano già conosciute nell’antichità con il nome latino di Aegates, a sua volta ripreso dal greco Aegatae che significa “Isole delle capre”.

L’Arcipelago delle Egadi è formato da tre isole, Favignana, Levanto e Marettimo, e da pochi altri isolotti, poco più che scogli, situati tra i 7 chilometri (Favignana) e i 15 chilometri (Marettimo) di distanza dalla costa occidentale della Sicilia, tra Trapani e Marsala. Le isole erano già conosciute nell’antichità con il nome latino di Aegates, a sua volta ripreso dal greco Aegatae che significa “Isole delle capre”.

Resti scheletrici in una grotta dell’isola di Favignana rivelano che gli esseri umani moderni si insediarono in Sicilia e nelle isole limitrofe intorno all’ultimo periodo glaciale e, pur vivendo in diretto contatto con il Mediterraneo, si nutrirono molto poco di pesce e alimenti marini in genere.

La ricerca è stata pubblicata alla fine del mese scorso sulla rivista PLos ONE da Marcello Mannino e colleghi, del Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology, Germania.

Da queste analisi si può risalire al momento in cui l’uomo moderno ha raggiunto queste isole.

“Il popolamento definitivo della Sicilia da parte di esseri umani moderni si verificò circa all’apice dell’Era glaciale, tra i  26500 e i 19000 anni fa” – afferma Mannino – “allorchè il livello del mare si era talmente abbassato da consentire, grazie ad un ponte naturale emerso tra le isole e la Sicilia, l’accesso ad eventuali gruppi umani e animali che intendessero migrare da una parte all’altra o comunque effettuare spostamenti semplicemente camminando all’asciutto”.

L’analisi genetica delle ossa scoperte nelle grotte delle isole Egadi fornisce alcuni dati sul DNA mitocondriale disponibile dei primi umani della regione mediterranea, un passo fondamentale nelle analisi delle prove riguardanti gli ascendenti delle attuali popolazioni dell’arcipelago delle Egadi e dell’estremità occidentale della Sicilia.

L’intervallo di tempo indicato da Mannino non è, comunque, un’ Era glaciale in senso stretto.

Luoghi del Paleolitico Superiore e siti Mesolitici nelle Isole Egadi e nella Sicilia nord-occidentale.I siti delle grotte includono: 1) Grotta d’Oriente e  2) Grotta dell’Ucceria (Favignana); 3) Grotta di Punta Capperi e Grotta di Cava dei Genovesi, 4) Grotta Schiacciata, 5) Grotta Di Cala Calcara (Isola di Levanzo);    6) Grotta Maiorana, 7) Riparo S.Francesco,  8) Grotta Martogna, 9) Grotta Emiliana e Grotta Maltesesulla Sicilia. Tenendo conto che questa zona era tettonicamente stabile durante il periodo in questione (26500-19000 anni fa) e utilizzando la curva di livello 20, pubblicata da Lambeck et alii  si può ipotizzare che Levanzo e Favignana rimasero un’appendice della Sicilia fino a circa 9000-8.500 a.C.; mentre Marettimo rimase ancora un’isola fino all’avvento del Neolitico (8000-7000 a.C.) (da Plos ONE)

Luoghi del Paleolitico Superiore e siti Mesolitici nelle Isole Egadi e nella Sicilia nord-occidentale.
I siti delle grotte includono: 1) Grotta d’Oriente e 2) Grotta dell’Ucceria (Favignana);
3) Grotta di Punta Capperi e Grotta di Cava dei Genovesi, 4) Grotta Schiacciata, 5) Grotta Di Cala Calcara (Isola di Levanzo);
6) Grotta Maiorana, 7) Riparo S.Francesco, 8) Grotta Martogna, 9) Grotta Emiliana e Grotta Maltese
sulla Sicilia.
Tenendo conto che questa zona era tettonicamente stabile durante il periodo in questione (26500-19000 anni fa) e utilizzando la curva di livello 20, pubblicata da Lambeck et alii si può ipotizzare che Levanzo e Favignana rimasero un’appendice della Sicilia fino a circa 9000-8.500 a.C.; mentre Marettimo rimase ancora un’isola fino all’avvento del Neolitico (8000-7000 a.C.) (da Plos ONE)

La durata di un’Era è un lungo lasso di tempo, in cui si formano superfici ghiacciate di enormi estensioni, che comprende delle fasi alterne, con temperature che scendono notevolmente, intervallate da fasi interglaciali a temperatura più mite.

In questo caso, è più corretto parlare di “ultimo periodo glaciale”, la fase che durò dai 110mila ai 9600 anni fa, con un massimo di estensione glaciale all’incirca verso i 18mila anni.

La parte finale di questa fase (17000 – 9500 a.C.) corrisponde al periodo preistorico del Paleolitico superiore che, attraverso l’industria magdaleniana, vedeva il diffondersi dell’arte rupestre nell’area mediterranea, dalla Dordogna, in Francia, alla regione Cantabrica, in Spagna, alla Puglia (Grotta Romanelli).

La Grotta del Genovese a Levanzo (10mila a.C.) custodisce splendidi esempi di queste prime espressioni artistiche nei graffiti raffiguranti scene di vita quotidiana, riti propiziatori per la caccia, prede catturate.

Levanzo-Pitture-rupestri-della-Grotta-del-Genovese

Levanzo. Pitture rupestri della Grotta del Genovese (10mila a.C.)

Gli autori hanno analizzato la composizione chimica dei resti umani ed hanno scoperto che questi primi coloni mantennero il loro stile di vita di cacciatori-raccoglitori, basando il loro approvvigionamento di carne più sulla fauna terrestre che sullo sfruttamento delle risorse marine che avevano – è il caso di dirlo – a portata di mano.

Secondo lo studio infatti, pur vivendo nelle isole in un periodo interglaciale, in cui l’aumento di livello del mare divenne abbastanza rapido da poter subire modifiche addirittura nel corso di una singola vita umana, questi primi coloni sembrano aver fatto un uso alquanto limitato delle risorse marine a loro disposizione.

Gli autori concludono: “Questi risultati hanno implicazioni importanti per lo studio del ruolo del pesce nella dieta dei cacciatori-raccoglitori del Mediterraneo”.

Leonardo Debbia
23 dicembre 2012

Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Live
  • Google Buzz
Aggiunto in: Ricerca & Scienza

Articoli recenti

Bookmark and Promote!

2 commenti a "Favignana, Isole Egadi. 10mila anni fa ci si arrivava a piedi"

  1. antonino vadalà ha detto:

    Che piacere vedere un articolo scritto dal mio compagno di scuola, Leonardo, della quinta elementare del 1954,di Giardini Naxos,(ME)
    che non è Siciliano ma che scrive un tratto di storia del periodo glaciale della Sicilia,
    Ti ricordo con simpatia e non dimentico che eri il mio capoclasse, che tutti rispettavano,
    non perchè sei Toscano, perchè nei nostri principi di Sicilianità non esiste l’Italia divisa, cosi’
    come ci insegno il nostro grande Maestro Vincenzo Calabrese.
    Un abbraccio , nino.

    • Leonardo Debbia ha detto:

      Caro Nino, ti ringrazio per le parole espresse nei miei confronti, sia riguardo al mio “pezzo” sia per quanto affermi riguardo la “famosa” classe 5^ elementare di Giardini e del carissimo, compianto e mai troppo apprezzato maestro Calabrese, un uomo che amava lo studio e l’insegnamento e che questo suo amore ci instillava giorno dopo giorno, un “vero” maestro anche di vita. Ricordo che ci preparò per l’esame di ammissione alla scuola Media (allora bisognava superare un esame) a casa sua, con sua moglie che ci faceva trovare anche la merenda pronta e il figlio Sarino (ora, credo, divenuto medico a Taormina), senza prendersi neanche un centesimo, lui che veniva da una famiglia non certo ricca, anzi! Ricordo suo padre che andava in bicicletta a vendere il pesce “porta a porta”, come si direbbe oggi.
      Ti ringrazio, amico mio, anche per essermi venuto a trovare sulla rivista che da un anno a questa parte mi ospita come collaboratore e che mi ha dato modo di continuare a studiare e imparare, il messaggio che il grande nostro maestro ci ha lasciato!!!
      Colgo l’occasione per farti un in bocca al lupo per il museo della luce, il lavoro che stai portando avanti con tanta passione.

      Un abbraccio, Leonardo

Commenta

Puoi commentare più in fretta utilizzando gli account dei social network più famosi!

Facebook
Google
Twitter

Invia commento

© 2012 Scienze Naturali. Tutti i diritti riservati.
Tema a cura di Scienze Naturali.