0

Cellule staminali uterine usate per trattare il diabete

I ricercatori della Yale School of Medicine  hanno riferito in un nuovo studio pubblicato sulla rivista Molecular Therapy, che controllare il diabete potrebbe un giorno coinvolgere le cellule staminali dal rivestimento dell’utero. Il team ha trattato il diabete nei topi  convertendo le cellule del rivestimento dell’utero in cellule produttrici di insulina. L’endometrio o rivestimento uterino, è una fonte di cellule staminali adulte. Queste cellule generano tessuto uterino ogni mese come parte del ciclo mestruale. Come le altre cellule staminali, tuttavia, possono dividersi per formare altri tipi di cellule.

Le scoperte del team di Yale suggeriscono che le cellule staminali endometriali possono essere utilizzate per sviluppare cellule produttrici di insulina, che si trovano nel pancreas. Queste cellule  potrebbero poi essere utilizzate per promuovere lo studio del trapianto di porzioni di  pancreas per curare le persone con diabete. Guidati  professor Hugh S. Taylor, MD, i ricercatori hanno messo le cellule staminali endometriali in colture contenenti sostanze nutritive speciali e fattori di crescita. Rispondendo a queste sostanze, le cellule staminali endometriali hanno adottato le caratteristiche delle cellule beta del pancreas che producono insulina.

Nel corso di tre settimane di processo di incubazione, le cellule staminali endometriali hanno assunto la forma delle cellule beta e hanno cominciato a creare le proteine ​​normalmente prodotte dalle cellule beta. Alcune di queste cellule hanno anche prodotto insulina. Dopo un pasto, il corpo scinde il  cibo in componenti come il glucosio, lo zucchero, che poi circola nel sangue. In risposta, le cellule beta rilasciano  insulina, che permette alle cellule del corpo di assorbire il glucosio circolante. In questo studio, Taylor e il suo team hanno esposto le cellule staminali mature al glucosio e hanno scoperto che, come le cellule beta tipiche, le cellule in coltura hanno risposto con la produzione di insulina. Il team ha poi iniettato nei topi diabetici cellule staminali mature che producevano l’insulina. I topi avevano poche cellule beta funzionanti e livelli molto alti di glucosio nel sangue.

I topi che non hanno ricevuto la terapia con cellule staminali hanno continuato ad avere alti livelli di zucchero nel sangue, hanno sviluppato la cataratta e sono diventati letargici. Al contrario, i topi che hanno ricevuto la terapia cellulare sono rimasti attivi e non hanno sviluppato la cataratta, ma il livello di zucchero nel sangue degli animali  è rimasto superiore al normale. Taylor ha detto che il passo successivo della ricerca sarà quello di verificare per quanto tempo questo trattamento rimane efficace.


Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Live
  • Google Buzz
Aggiunto in: Ricerca & Scienza

Articoli recenti

Bookmark and Promote!

Commenta

Puoi commentare più in fretta utilizzando gli account dei social network più famosi!

Facebook
Google
Twitter

Invia commento

© 2011 Scienze Naturali. Tutti i diritti riservati.
Tema a cura di Scienze Naturali.