1

Alimentazione: sei su dieci pranzano nella propria abitazione

Sei italiani su dieci preferiscono mangiare a casa

Secondo il rapporto Istat, sei persone su dieci scelgono di pranzare a casa

Le giornate si accorciano, i ritmi si allungano, sembra non esserci più tempo per nulla. La nota introduzione dei fast food che, senzaltro, ha invaso il mondo sembra espandersi sempre più lentamente nel nostro paese. Secondo il rapporto Istat 2011, infatti, sono sei individui su dieciche preferiscono pranzare a casa piuttosto che fuori.

Restano svariati i motivi ma, a capo di tutto, sembra esserci il profilo qualitativo che solo il proprio ambiente culinario può garantire. Non indifferente, invece, è la ricerca del risparmio che, con l’aumento dei prezzi, obbliga alla propria abitazione.

Ben diffusa è anche la necessità di iniziare bene la giornata che comincia con la colazione e che vede partecipe l’83% delle donne ed il 77% degli uomini i quali abbinano al semplice caffè alimenti nutrienti: latte, pane, biscotti, etc.

Essenziale, invece, è la necessità di “carburare” con un buon pranzo, quanto più ricco ed a ‘ricarica’ della giornata. Altrettanto interessante è l’uso – ormai dichiarato essenziale – di pasti minori e secondari nell’arco della giornata come merendine, snack e “chi più ne ha più ne metta” per colmare stanchezza ed appetito.


Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Live
  • Google Buzz
Aggiunto in: Ricerca & Scienza

Articoli recenti

Bookmark and Promote!

Un commento a "Alimentazione: sei su dieci pranzano nella propria abitazione"

  1. Carla ha detto:

    Effettivamente mi rispecchio in questa statistica. Molto spesso è soprattutto un fatto di risparmio,ma senza dubbio conta anche la qualità che in qualche modo ci viene assicurata dal “nostro modo” di cucinare.

Commenta

Puoi commentare più in fretta utilizzando gli account dei social network più famosi!

Facebook
Google
Twitter

Invia commento

© 2011 Scienze Naturali. Tutti i diritti riservati.
Tema a cura di Scienze Naturali.