0

Un po’ di esercizio fisico può proteggere dalla perdita di memoria negli anziani

Una nuovo studio dell’università di  Boulder in Colorado dimostra che una piccola quantità di esercizio fisico potrebbe  proteggere gli anziani dalla perdita di memoria a lungo termine che può succedere all’improvviso dopo un’infezione, una  malattia o una lesione in età avanzata. Nello studio, CU-Boulder Research Associate,esercizio fisico Ruth Barrientos e i suoi colleghi hanno dimostrato che i ratti invecchiati che correvano poco più di mezzo chilometro ogni settimana sono stati protetti contro la perdita di memoria indotta da un’infezione.

“La nostra ricerca mostra che una piccola quantità di esercizio fisico verso la fine della mezza età nei ratti  protegge profondamente contro l’infiammazione  nel cervello e il deficit di memoria di lunga durata  che seguono una grave infezione batterica”, ha detto Barrientos del reparto di psicologia e delle neuroscienze. I risultati di questo studio compaiono nell’edizione del 10 agosto del Journal of Neuroscience. “Sorprendentemente, questa piccola quantità di corsa era sufficiente a conferire notevoli benefici  a quelli che hanno corso rispetto a quelli che non lo hanno fatto”, ha detto Barrientos.

“Questa è una scoperta importante, perché quelli di età avanzata sono più vulnerabili al deficit di memoria conseguenti alle infezioni batteriche o a un intervento chirurgico. Con molte persone ancora giovani, attualmente in età pensionabile, il rischio della diminuzione di memoria in questa popolazione è di grande preoccupazione. Così,  terapie efficaci non invasive hanno un notevole valore clinico. ” Una precedente ricerca ha mostrato che l’esercizio fisico negli esseri umani protegge dal declino delle funzioni cognitive associate all’invecchiamento e protegge dalla demenza.

I ricercatori hanno anche dimostrato che la demenza è spesso preceduta da infezioni batteriche, come la polmonite. Nello studio, i ricercatori hanno scoperto che nei topi infettati con batteri E. coli sono stati riscontrati effetti negativi sull’ippocampo, un’area del cervello che media l’apprendimento e la memoria. Precedenti ricerche hanno dimostrato che le cellule immunitarie del cervello, chiamate microglia, diventano più reattive con l’età.

Quando i ratti più anziani nello studio hanno contratto un infezione batterica, queste cellule immunitarie hanno rilasciato molecole chiamate citochine infiammatorie in maniera esagerata e prolungata. “In questo studio abbiamo scoperto che piccole quantità di esercizio volontario impediscono l’innesco della microglia, l’infiammazione esagerata nel cervello, “, ha detto Barrientos. Il prossimo passo di questa ricerca è quello di esaminare il ruolo che gli ormoni dello stress possono giocare nel sensibilizzare la microglia,e se l’esercizio fisico rallenta questi ormoni nei vecchi topi.

 

Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Live
  • Google Buzz
Aggiunto in: Salute, Salute & Medicina

Articoli recenti

Bookmark and Promote!

Commenta

Puoi commentare più in fretta utilizzando gli account dei social network più famosi!

Facebook
Google
Twitter

Invia commento

© 2017 Scienze Naturali. Tutti i diritti riservati.
Tema a cura di Scienze Naturali.