0

Malattie sessuali: al primo posto l’infezione da Chlamydia trachomatis

Chlamydia trachomatis

Inclusioni di Chlamydia trachomatis in coltura cellulare (color marrone) – Wikimedia

L’infezione da Chlamydia trachomatis (Ct), un batterio che si trasmette sessualmente alle donne, è al primo posto nell’elenco delle malattie che si possono prendere non facendo sesso sicuro.

La maggior parte del target colpito ha tra i 15 e i 25 anni, età in cui i giovani pensano a tutt’altro che ad ad avere rapporti protetti, e proprio per questo è fondamentale iniziare una campagna di sensibilizzazione per introdurre in modo approfondito la questione delle Malattie Sessualmente Trasmesse.

Come infatti sostenuto da Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti”, al giorno d’oggi questo è un argomento di cui si deve poter parlare tranquillamente, perché sono davvero poche le persone che conoscono le malattie infettive causate da batteri, virus, funghi o parassiti.

Ogni anno ci sono 54 milioni di nuovi casi, e l’allarme arriva dalla Gran Bretagna, in cui un recente studio ha dimostrato come siano sempre di più le donne le più vulnerabili all’infezione da Ct rispetto agli uomini. Questo perché la malattia nella donna è molto spesso asintomatica e perché l’apparato genitale femminile è più esteso di quello maschile.

L’infezione può facilmente trasformarsi in un problema serio nel momento in cui a donna inizia a pensare di avere un figlio: tra le complicanze da Ct, infatti, ci sono anche la malattia infiammatoria pelvica (Mip) e, purtroppo, l’infertilità.

Per quanto riguarda l’Italia, dai risultati raccolti sulle infezioni sessualmente trasmesse (Ist), che sono emersi durante alcuni laboratori di microbiologia, sembra che la Ct costituisca il 2,3% delle malattie sessuali contratte. Il 36%, ovvero più di un terzo, è costituito da donne che non presentavano sintomi genito-urinari al momento del prelievo del campione, percentuale che sale fino al 56% tra le donne in stato di gravidanza.

Isabel Novo List
26 aprile 2013


Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Live
  • Google Buzz
Aggiunto in: Salute, Salute & Medicina

Articoli recenti

Bookmark and Promote!

Commenta

Puoi commentare più in fretta utilizzando gli account dei social network più famosi!

Facebook
Google
Twitter

Invia commento

© 2013 Scienze Naturali. Tutti i diritti riservati.
Tema a cura di Scienze Naturali.