0

Il consumo di avocado riduce l’obesità

avocadoSecondo il National Health and Nutrition Examination Survey, un nuovo studio promosso dai “Centers for Disease Control and Prevention negli States”, per combattere l’obesità, oltre alle solite diete toccasana, ecco che spicca l’avocado.

Proprio così: da quanto risultato dal sondaggio americano, infatti, il frutto esotico il cui nome scientifico è Persea americana, è un toccasana per la salute, in quanto riesce a favore la perdita di peso. Se consumato quotidianamente, l’avocado è in grado di fornire il metodo migliore per perdere peso in modo equilibrato, in quanto offre una sensazione di benessere al corpo.

Questo è quanto è emerso dall’analisi sui 17567 volontari di età dai 19 anni in su che si sono prestati in un arco di tempo molto lungo: 7 anni per l’esattezza, dal 2001 al 2008. Durante questo lasso di tempo, al campione sono stati fatti costantemente controlli e verifiche per tenere sotto controllo peso, salute fisica e alimentazione.

Coloro che hanno consumato l’avocado hanno assunto ben 48% di vitamina K in più, 36% di fibre in più, 23% di vitamina E in più, 16% di potassio in più e 13% di magnesio in più. Così facendo, hanno anche di un accumulo significativo dei cosiddetti “grassi buoni”.

Inoltre, il frutto contribuisce anche a mantenere più bassi i valori del colesterolo e combatte l’aumento dell’indice della massa corporea, che riesce ad essere nettamente inferiore rispetto a quella di chi non consuma il suddetto prodotto.

Benessere generale e salute più robusta, dunque, come si legge sulla rivista “Nutritional Journal” su cui è stato pubblicato lo studio.

Isabel Novo List
28 febbraio 2013

Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Live
  • Google Buzz
Aggiunto in: Salute, Salute & Medicina

Articoli recenti

Bookmark and Promote!

Commenta

Puoi commentare più in fretta utilizzando gli account dei social network più famosi!

Facebook
Google
Twitter

Invia commento

© 2017 Scienze Naturali. Tutti i diritti riservati.
Tema a cura di Scienze Naturali.