0

Disturbi della prostata: impariamo a non sottovalutarli

Raffigurazione di prostata in condizione fisiologiche (sinistra) ed affetta da ipertrofia prostatica (destra).

Raffigurazione di prostata in condizioni fisiologiche (sinistra) ed affetta da ipertrofia prostatica (destra).

La prostata è una ghiandola dell’apparato genitale maschile definita anche come ghiandola prostatica. Delle dimensioni di una castagna (circa 3 cm di diametro), tale ghiandola si colloca al di sotto della vescica e anteriormente al canale rettale.

Questa breve premessa descrittiva della prostata è molto importante poiché permette di avere un’idea più chiara sulla struttura anatomica prostatica e sulle eventuali anomalie che possono interessarla. Infatti, gli uomini, soprattutto dopo una certa età, tendono a sviluppare dei disturbi della prostata e a riscontrare una serie di problematiche associate, di media o grave entità a seconda dei casi.

Le più frequenti patologie che interessano la ghiandola prostatica sono le prostatiti, l’ipertrofia prostatica benigna (IPB) ed il tumore della prostata. Ognuna di queste condizioni si manifesta con dei sintomi più o meno evidenti ma che non vanno in alcun modo sottovalutati poiché, a lungo andare, possono creare imbarazzo, difficoltà nello svolgimento delle normali attività quotidiane e addirittura causare disturbi della sfera sessuale come difficoltà eiaculatoria e deficit erettile.

Ma come riconoscere i diversi disturbi della prostata, e quali sono le valutazioni specifiche che il medico effettua per individuarle? Per facilitare il riconoscimento delle condizioni prostatiche ecco un elenco dei più frequenti sintomi da monitorare ed eventualmente riferire ad uno specialista.

Frequenza della minzione, bruciore, dolore e difficoltà sessuali, sono sintomi tipici di un’infiammazione prostatica, che va sotto il nome di prostatite. Questo disturbo della prostata può essere appurato attraverso un’ecografia delle vie uro-seminali.

Ingrossamento della ghiandola prostatica e difficoltà a svuotare completamente la vescica durante la minzione sono invece i sintomi peculiari dell’ipertrofia prostatica benigna. Gli esami d’eccellenza da effettuare in tal caso sono l’ispezione rettale, l’ecografia vescicale e gli esami delle urine.

Sangue nelle urine o nel liquido seminale, pesantezza retto-vescicale e dolore osseo, sono sintomi (spesso in abbinamento a quelli in precedenza elencati) di un disturbo della prostata ben più grave, ossia il tumore prostatico. Purtroppo, però, questa insidiosa malattia può anche essere asintomatica e l’unico modo per ridurne il rischio è quello di effettuare dei controlli urologici periodici, soprattutto dopo i 45 anni di età. Infine, assieme alla visita urologica di routine è sempre opportuno verificare il dosaggio ematico annuale dell’Antigene Prostatico Specifico (PSA).

Claudio Ferri
23 aprile 2013


Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Live
  • Google Buzz
Aggiunto in: Salute, Salute & Medicina

Articoli recenti

Bookmark and Promote!

Commenta

Puoi commentare più in fretta utilizzando gli account dei social network più famosi!

Facebook
Google
Twitter

Invia commento

© 2017 Scienze Naturali. Tutti i diritti riservati.
Tema a cura di Scienze Naturali.