0

Il virus killer Rotavirus può essere fermato

Si chiama Rotavirus il responsabile della morte di 453.000 bambini sotto i cinque anni. Si tratta di un virus che attacca l’apparato gastrointestinale, provocando diarrea e, di conseguenza, disidratazione che, se perotavirusr i paesi occidentali può sembrare una piccola infezione curabile, può risultare fatale in paesi come il Congo, l’Etiopia, l’India, la Nigeria e il Pakistan, dove le condizione igienico sanitarie sono precarie.

La docente Elisabetta Franco, ordinario di Igiene dell’Università di Roma Tor Vergata, spiega: “Il rotavirus aderisce all’apparato gastrointestinale, infetta la superficie delle cellule dei villi nell’intestino tenue e successivamente si diffonde lungo l’intero intestino, la diarrea è la conseguenza della perdita di superficie di assorbimento e del flusso di acqua e di elettroliti nella zona danneggiata.

Il danno è reversibile, ma la diarrea non si arresta fino alla rigenerazione dei villi”. Fattori che rendono la disidratazione, altamente pericolosa in un organismo piccolo: “la percentuale di acqua nel bambino è molto più alta e in poche ore si può disidratare andando incontro a gravi complicanze”, aggiunge la Franco. Il virus è molto contagioso e può sopravvivere a lungo nell’ambiente e su 3,6 milioni di episodi da rotavirus, 87mila bambini devono essere ricoverati e 231 muoiono.

“Attualmente sono due i vaccini a nostra disposizione, da somministrare in due o tre dosi a seconda del vaccino”, spiega ancora Franco. “A differenze degli altri che sono iniettivi, questi vaccini si assumono per via orale. Il loro profilo di sicurezza è alto e nei trial hanno dimostrato un’efficacia di oltre il 90% contro i casi più gravi di gastroenterite da rotavirus”. Il vaccino, però, è stato adottato ed è disponibile per la maggior parte nelle zone  industrializzate, come sottolinea l’articolo su Lancet Infectious Diseases, mentre le campagne vaccinali sono ancora poco presenti nei paesi in via di sviluppo.


Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Live
  • Google Buzz
Aggiunto in: Medicina, Salute & Medicina

Articoli recenti

Bookmark and Promote!

Commenta

Puoi commentare più in fretta utilizzando gli account dei social network più famosi!

Facebook
Google
Twitter

Invia commento

© 2017 Scienze Naturali. Tutti i diritti riservati.
Tema a cura di Scienze Naturali.