0

Ornithorhynchus anatinus

L’ornitorinco è un membro dell’ordine dei Monotremi, la categoria di mammiferi più antica del mondo,vive nella parte più a est dell’Australia e lo si può incontrare nei fiumi, nei torrenti e nei laghi. E’sicuramente considerato un animale dall’aspetto strano, per il suo becco simile a quello di un anatra e la coda e la coda come quella di un castoro,ma a differenza di quest’ultimo, che la utilizza per nuotare, l’ornitorinco la usa per cambiare direzione mentre nuota con le zampe.

Il maschio è lungo circa 50 cm e pesa mediamente 1,7kg mentre la femmina ha una lunghezza media di 44cm ed il peso di 0,9 kg. Possiede uno spesso mantello di peli che ricopre tutto il corpo tranne che il becco e le zampe.La pelliccia è di colore marrone sul dorso e giallastra sul ventre. Questo animale ha delle caratteriste che si riscontrano nei rettili,tra cui quella di utilizzare la stessa apertura per la riproduzione e per il rilascio di rifiuti organici nonché quella di deporre le uova. E’ un essere solitario, preferisce vivere isolato in uno specifico territorio dove potersi nutrire e vivere tranquillamente, non ha problemi di convivenza con i suoi simili se i loro territori si sovrappongo, ma nel caso ci sia un sovrappopolamento è l’ornitorinco più giovane a lasciare l’area e a cercarne un’altra.

La femmina dell’ornitorinco inizia a fare i cuccioli solo dopo due anni e questo comporta il rischio di una diminuzione della popolazione data la presenza di predatori come i coccodrilli,le volpi,gli uccelli predatori e le notevoli alluvioni che si presentano ogni anno lungo le coste australiane. Costruisce due tipi di tane, una per vivere e l’altra per creare il nido. La prima la utilizza per la quotidianità, quindi per mangiare e dormire, la seconda per allevare i cuccioli. La tana non è altro che un tunnel che termina con il nido, può essere alta fino a 7 metri e larga fino a 18 metri, per la presenza di poco ossigeno non possono rimanere nella tana troppo a lungo. L’ornitorinco si nutre d’invertebrati, piccoli pesci, rane e girini ed impiega metà del giorno per cibarsi, durante l’estate mangia molto più che in inverno accumulando l’eccesso nella coda sottoforma di grasso. E’ una creatura che evita le situazioni pericolose ed aggressive e questo la può portare a stare sott’acqua per più di 10 minuti senza emettere bolle e movimenti. Durante il periodo della riproduzione il maschio diventa più aggressivo rilasciando del veleno tramite l’uso dello sperone corneo situato nelle zampe posteriori, con questo veleno può uccidere cani ed altri ornitorinchi. Uno dei suoi progenitori è sicuramente l’Obduron insignis che visse ben 15 milioni di anni fa mentre in Patagonia è stato ritrovato un fossile di questo animale risalente a 62 milioni di anni fa.


Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Live
  • Google Buzz
Aggiunto in: Zoologia

Articoli recenti

Bookmark and Promote!

Commenta

Puoi commentare più in fretta utilizzando gli account dei social network più famosi!

Facebook
Google
Twitter

Invia commento

© 2017 Scienze Naturali. Tutti i diritti riservati.
Tema a cura di Scienze Naturali.