0

Una nuova minaccia per la natura: la luce

Se dico “inquinamento” probabilmente penserai alle automobili, alle industrie, alle cicche delle sigarette, ma scommetto che la luce non sarà la prima cosa che ti verrà in mente.

Sembra incredibile, ma per alcuni animali, in particolar modo per gli insetti, l’illuminazione artificiale può portare ad un cambiamento nel loro comportamento e ad una riduzione della capacità di sopravvivenza. Se poi questi insetti sono impollinatori, il problema non è più solo della natura, ma anche nostro.

Street Lamp © Pexels

L’impollinazione da parte degli insetti (entomogama) è importantissima per tutti noi.

Ti basti pensare che la maggior parte delle specie vegetali che portiamo sulle nostre tavole dipende proprio dagli insetti (pronubi). Pensa se non ci fossero le fragole!

Mai come in questi anni sentiamo parlare del declino mondiale delle specie impollinatrici e studi sempre più numerosi mettono in relazione i problemi della natura con le attività antropiche. Tra queste c’è anche l’illuminazione notturna.

Uno studio congiunto Franco-Svizzero dal titolo Artificial light at night as a new threat to pollination, ha esplorato questo tema e ne è emerso che la luce artificiale non solo crea problemi agli impollinatori notturni, ma anche a quelli diurni con una significativa perdita, in termini di resa, da parte delle piante coltivate.

Knop e colleghi hanno monitorato 14 diversi prati svizzeri privi di illuminazione. In 7 di essi hanno installato delle lampade come quelle per l’illuminazione stradale, mentre gli altri 7 sono stati tenuti privi di illuminazione per verificare eventuali differenze tra questi due contesti.

Non solo nei prati illuminati è stata osservata una riduzione significativa del numero di interazioni pianta-insetto, ma anche un calo drastico del numero di specie che hanno visitato l’area. Questo potrebbe essere dovuto sia al potere attrattivo della luce su alcune specie (es.: falene), sia a possibili cambiamenti fisiologici nella flora dei prati che li ha resi “meno attraenti” agli occhi degli insetti. Un ambito, quest’ultimo, tutto da esplorare.

Il team di studiosi ha quindi valutato l’impatto dell’inquinamento luminoso sulla capacità di impollinazione degli insetti notturni grazie alla specie vegetale Cirsium oleraceum, presente su 10 dei siti di indagine, 5 dei quali provvisti di illuminazione artificiale.

Cirsium oleraceum © Wikimedia

A seguito del monitoraggio è stata osservata una riduzione del 13% nella produttività dell’essenza vegetale, che nel lungo termine può influenzare la sopravvivenza non solo della specie stessa C. oleraceum, ma anche degli impollinatori diurni che fanno affidamento su questa essenza.

L’impollinazione è un meccanismo fondamentale per la propagazione delle specie vegetali in natura e per il mantenimento della biodiversità. Ora più che mai è importante comprendere meglio quali sono i fattori che minacciano gli impollinatori e quale è il loro ruolo nel declino mondiale delle popolazioni di insetti.

Mentre c’è ancora molto da comprendere, tutti noi possiamo contribuire con piccoli gesti quotidiani alla salvaguardia degli insetti, anche all’interno delle città.

Per esempio: hai mai pensato di piantare dei fiori sul tuo balcone?

Carlo Taccari

Bibliografia
Knop E., Zoller L, Ryser R., Gerpe C., Hörler M. & Fontaine C. (2017) Artificial light at night as a new threat to pollination. Nature 548, 206–209.

Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Live
  • Google Buzz
Aggiunto in: Ambiente & Natura, Ecologia

Articoli recenti

Bookmark and Promote!

Commenta

Puoi commentare più in fretta utilizzando gli account dei social network più famosi!

Facebook
Google
Twitter

Invia commento

© 2018 Scienze Naturali. Tutti i diritti riservati.
Tema a cura di Scienze Naturali.