1

Dendrocalamus Asper: il gigante “buono”

Dendrocalamus asper bambu

Dendrocalamus asper

Il Dendrocalamus asper è uno dei bambù giganti per eccellenza, straordinariamente apprezzato in tutto il sud-est asiatico, in Australia e nelle Americhe tropicali, sia per i suoi deliziosi germogli che per le sue possenti canne da legno. Tra i bambù più veloci, può raggiungere la sua massima altezza in poco meno di 8 settimane dall’emergere del germoglio dal suolo, con canne che possono raggiungere i 35 metri di altezza e 30 cm di diametro, è anche uno dei bamboo tropicali (inizia a presentare incapacità di sopravvivenza intorno ai -5°C), non invasivi, tra i più belli da esibire nel proprio giardino, latitudine permettendo, soprattutto nella versione nera ovvero la sottospecie Dendrocalamus asper black (sinonimo: Dendrocalamus asper Betung-Hitam).

I suoi germoglio, se colti entro qualche giorno dallo spuntare del suolo, cioè prima che inizino il processo di lignificazione per diventare canne, sono tra i più ricercati e apprezzati nella cucina asiatica e possono pesare anche oltre 5 kg l’uno, costituendo così una fonte inesauribile di proteine e fibre per le popolazioni contadine e più povere dove all’agricoltura tradizionale è associata quella dei bambù giganti. Sperimentato anche come legno da costruzione, ricco di resine riesce a dare le migliori prestazioni di resistenza meccanica in forma di pannelli a fibra orientata, risultando comparabile ai tradizionali pannelli di pioppo.

La particolare formazione di barba legnosa tutt’intorno i primi quattro-cinque nodi basali ha permesso lo sviluppo di una straordinaria cultura artigianale tribale ancora in uso soprattutto in Indonesia dove si incide nelle canne più vecchie e stagionate, e riverse, le si fanno corrispondere a volti con capelli o barbe davvero impressionanti per la loro veridicità espressiva, per lo più usate a scopo ritualistico o apotropaico.

Esistono diversi cloni cioè diverse sottospecie con propri differenti cultivar per un totale di sedici tipi:

1) Dendrocalamus asper Chiang-Run, 35 m di altezza, 25 cm di diametro, pareti interne fino a 2,5 cm di spessore, internodi fino a circa 60 cm;
2-6) Dendrocalamus asper Suranari, con cinque cloni diversi ancora sotto studio;
7) Dendrocalamus asper Giant, 20 m di altezza, 20 cm di diametro, pareti interne fino a 1,5 cm di spessore, internodi fino a circa 40 cm;
8) Dendrocalamus asper Thai-Black, 15 m di altezza, 15 cm di diametro;
9) Dendrocalamus asper Thai-Green, 15 m di altezza, 15 cm di diametro;
10) Dendrocalamus asper Si-Prachin, sotto studio;
11) Dendrocalamus asper Tong-Mo, 30 m di altezza, 30 cm di diametro;
12) Dendrocalamus asper Tong-Nu, 8 m di altezza, 6 cm di diametro;
13) Dendrocalamus asper Tong-Lai, sotto studio;
14) Dendrocalamus asper Black (Dendrocalamus Asper Betung-Hitam), 30 m di altezza, 20 cm di diametro;
15) Dendrocalamus asper Nusa-Verde, 30 m di altezza, 30 cm di diametro;
16) Dendrocalamus asper Yunnan, 20 m di altezza, 15 cm di diametro.

Non c’è che dire, davvero un gigante, impressionante, ma assaggiatene le primizie dei nuovi getti in tarda primavera/estate, non spaventa più di tanto, un vero gigante “buono” che chiunque vorrebbe avere fuori casa.

Thomas Allocca


Condividi su:
  • Facebook
  • Twitter
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Live
  • Google Buzz
Aggiunto in: Ambiente & Natura

Articoli recenti

Bookmark and Promote!

Un commento a "Dendrocalamus Asper: il gigante “buono”"

  1. GIANNI da Forlì ha detto:

    Finalmente delle notizie molto interessanti su un’erba che può fare la concorrenza al legno (degli alberi) ed agli altri materiali da costruzione in edilizia (cemento, acciaio,ecc). Peccato che il bamboo sia poco conosciuto. Speriamo che in Italia ci sia qualche industriale illuminato che voglia promuovere un “qualcosa” di veramente sostenibile ed utilizzabile in molti settori, dall’alimentare all’edilizia.
    Se il settore del legno in Italia fosse culturalmente e commercialmente meno austro-dipendente forse salterebbero fuori sia le risorse, umane ed economiche, sia lo spazio culturale per il bamboo.

Commenta

Puoi commentare più in fretta utilizzando gli account dei social network più famosi!

Facebook
Google
Twitter

Invia commento

© 2012 Scienze Naturali. Tutti i diritti riservati.
Tema a cura di Scienze Naturali.